Archivi categoria: non solo a contorno

Tortino di miglio e salsa maiomatcha

DPP_0004

Vogliamo dire qualcosa su questa mia luuuuunga assenza? ma anche no dai!!
Altre priorità in questi ultimi 6 mesi e inoltre poco dormire, molto cucinare e tantissimo amare… ma ogni giorno  il mio pensiero è andato a questo mio piccolo angolo di riflessione e condivisione lasciato  impolverare ed a tutti voi che nonostante la latitanza giustificata, sento  sempre vicino…
Ma ora mi fermo quì che la piccola ha già aperto un occhio ed ho i secondi contati! 😉

Condivido con voi questo tortino rustico  reso un po’ più  chic da una salsina davvero speciale; poi vi dirò perchè…

Ingredienti per il tortino:

2 tazze di cavolfiore cotto a vapore
2 tazze di miglio cotto in brodo vegetale
2 cucchiai di lievito alimentare
2 cucchiai di amido di mais
2 cucchiai di olio evo
1 cucchiaio di salsa di soia
1 mazzo di prezzemolo tritato
1 cucchiaino di curry
q.b. di sale, pepe
q.b. farina di mais tostata

Ingredienti per la salsa:

4 cucchiai di maionese autoprodotta
1/2 cucchiaino di tè verde matcha in polvere.

 

Procedimento:

In un’ampia ciotola mettere i cavoli  già cotti e schiacciateli per bene con la forchetta, aggiungete poi il miglio, il lievito alimentare, l’amido, l’olio, la salsa di soia, il curry ed il prezzemolo tritato, sale e pepe. Amalgamate il tutto fino ad ottenere un composto sodo ma morbido.
Oleate una teglia rotonda,  travasarvi il composto pressandolo sullo stampo e livellandolo con cura. Spolverate la superficie con della farina di mais tostata, spennellate con dell’olio ed infornate a 180° per 20 minuti circa; ultimi 5 minuti funzione grill per ottenere una dorata e croccante crosticina.
Nel frattempo dedicatevi alla salsa: preparate la maionese come da vostra ricetta preferita mantenendola piuttosto fluida (io  frullo latte di soia freddo con del succo di limone, senape integrale, curcuma sale ed infine olio di girasole a filo), poi aggiungete la polvere di tè matcha fino ad arrivare alla gradazione di verde preferita…tende  all’amarognolo: ben si lega quindi con miglio e curry ma non esagerate! 😉

Sfornate il tortino, fatelo intiepidire per agevolarne il taglio, porzionatelo nei piatti ed aggiungete la salsa, magari dopo un breve riposo in frigo.
Regalatevi per cena uno o più spicchi di questa semplice bontà 🙂

DPP_0002

DPP_0003

Il tè matcha è un tipo di tè verde con prodigiose proprietà antiossidanti, disintossicanti e antinfiammatorie: è ricco di vitamine, sali minerali, clorofilla e carotene, protettivo quindi per stomaco, pelle, ossa, denti, sistema immunitario e cardiocircolatorio. Conosciuto un po’ per caso visto che non sono mai stata una consumatrice di tè ed infusi, raccogliendo la sfida lanciata da una amica di utilizzare tè & company in vegan ricette… questo primo esperimento e’ andato alla grande ma sto avendo tante altre, sorprendenti soddisfazioni, sia dolci che salate!!

Stay tuned allora!! Mi ritroverete a cucinare con il tè e tutte le sue aromatiche  sfumature il 31 gennaio presso la Scuola di Tè a Jesi !!  A breve tutti i dettagli 😉

Insalata russa vegan-light


Adoro l’insalata russa ed ancora di più da quando a casa mia è diventata vegan 😉
Con la scoperta poi della maionese extra-light ce la concediamo un po’ più spesso ed ora che si avvicinano le feste, dove si faranno più di uno strappo igienista, ve lo suggerisco come contorno! Un tripudio di colore e di sapore che lascerà tutti soddisfatti!

Ingredienti:
4 patate
3 carote
2 manciate di piselli surgelati
1 cucchiaio di aceto
1 cucchiaio di acqua
q.b. di sale grosso
q.b. di maionese extralight

Procedimento:
Io la preparo su una pentola eccezionale dal fondo pesante (sono tornata al mio super fornito armamentario culinario italiano!) che mi permette di cuocere le verdure tutte insieme mantenendo la perfetta cottura di ciascuna verdura. Perciò taglio a dadini piccoli e regolari le patate e le carote (in stagione aggiungo anche le zucchine ed i fagiolini), le unisco in pentola ai piselli ancora surgelati, aggiungo l’acqua ed alzo la fiamma.
Appena bolle metto l’aceto, poco sale grosso, mescolo, riduco  il gas al minimo e faccio cuocere coperto per 15-20 minuti.
Le verdure saranno pronte quando saranno  ancora consistenti ma avranno mantenuto i colori brillanti.
Se le vostre pentole non vi permettono questo risultato, un’alternativa più che valida è cuocerle separatamente a vapore.

Scolatele, fatele freddare e conditele con la maionese  extralight o altra ricetta preferita e regolate di sapidità secondo gusto.
Nessuno si accorgerà che la maionese non è quella tradizionale, tutto olio e uova, e vi verrà chiesto più del bis una volta saputo che oltre ad essere buona è anche decisamente più sana e leggera! 😉

In una delle ultime volte che l’ho preparata ci ho farcito dei tramezzini: sono venuti gustosissimi 😀

Ideogrammi di melanzane

Oggi vi propongo questo contorno non perché sia particolarmente originale, ma per la sua bontà nella semplicità.
In questo modo riesco a valorizzare le sottili melanzanine lilla che si trovano in questo momento in Cina e che abbondano nei mercati: per me il più buon ortaggio finora assaggiato! Le ha apprezzate anche mia figlia che non aveva mai voluto saperne di melanzane: sarà la verdura, dolce e tenerissima, sarà la panatura croccante ed aromatica, sarà il connubio perfetto tra le due che si realizza in bocca, ma so di certo che merita più che un assaggio.

Ingredienti:  
10 melanzanine lunghe
2 tazze di pane integrale grattugiato
3-4 pomodori secchi sott’olio
1 cucchiaio di capperi dissalati
1 cucchiaio di  semi di  sesamo tritati
1 cucchiaio di semi di girasole tritati
1 cucchiaio di timo fresco
1 cucchiaio di origano
1 cucchiaio di erba cipollina
1 spicchio di aglio
2-3 cucchiai di olio evo
2 cucchiai di salsa di soia
q.b. di paprika
q.b. di acqua
q.b. di sale e pepe

Procedimento:
Tagliate a metà per il verso della lunghezza le melanzanine ed adagiatele una accanto all’altra con la sezione all’insù fino a riempire una bella teglia da forno, praticate sulla polpa un paio di incisioni con il coltello, salate leggermente e tenetele da parte.
Non sono particolarmente ricche d’acqua anzi, restano sode e polpose e quindi lo trovo superfluo il passaggio di spurgo dall’acqua di vegetazione.
Ora preparate il pane aromatico per la gratinatura. Tritate in un mixer o a coltello i pomodori secchi, i capperi e l’aglio e uniteli in una larga ciotola al pane grattugiato, le erbe aromatiche tritate, il misto di semi, la paprika, l’olio, la salsa di soia  (che secondo me ci sta benissimo!) e regolate di sale ed di pepe. Mescolate gli ingredienti ed inumidite il composto con un po’ d’acqua in modo che il pane si reidrati leggermente ma senza ammollarlo troppo.
Cospargete le melanzanine con tutto il pane aromatico facendolo ben aderire alla polpa pressando con le mani ed infornate a 180° per circa 15 minuti, non di più con questa varietà di melanzane, perchè sono davvero tenerissime. Gustate tiepide o fredde con l’aggiunta di un giro di olio evo a crudo.

Mentre le sistemavo sul piatto di portata, sfruttando le loro naturali curve e rotondità, mi sono accorta che stavo praticamente disegnando un ideogramma cinese!
Chissà che avrò scritto!

Dopo l’insalata mista, una bella teglia di questa bontà, croccante e profumata sopra e morbida e gustosa sotto, diventa la nostra cena perfetta per l’estate!

 

Con questo piatto  partecipo con piacere al Contest di Ravanello Curioso: “Ricette d’Estate” per la sezione salati!

 

Cornucopie di melanzane in crema di ceci

Visto il Vitello e Tonno felici da Cesca me ne sono subito innamorata e deciso su due piedi che avrei provato anche io qualcosa sul genere, ma senza seitan.
Ci piacciono un sacco i ceci anche d’estate e resi cremosi e gustosi sono proprio irresistibili.
Eccovi un piattino fresco, leggero e profumato adatto a questi giorni di calura tropicale.

Ingredienti:        
1 melanzana tonda viola
200g di ceci cotti
2 cucchiaini di senape
1 cucchiaio di capperi sotto sale
2 cucchiai di olio evo
il succo di mezzo limone
q.b. di erba cipollina
q.b. di pepe

Procedimento:
Grigliate velocemente la melanzana tagliata sottile e tenetela da parte. Fate attenzione che non bruci diventando nera, perché altrimenti avrete preparato le melanzane all’acrilammide, sostanza cancerogena che purtroppo, recenti studi, hanno dimostrato si sviluppa anche nel vegetali alla griglia o alla brace e non solo nella classica bistecca.
Ora preparate la salsa ai ceci che avrete precedentemente cotto in acqua ( io aggiungo un pezzetto di carota, cipolla steccata con un chiodo di garofano e una foglia di alloro), scolateli e frullateli con gli altri ingredienti eccetto l’erba cipollina che va aggiunta alla fine. Regolate la dose di senape, capperi e limone secondo gusto e la consistenza aggiungendo se serve un po’ di acqua di cottura dei ceci.
Ora riprendete le fette di melanzane, spalmatele con la salsa e richiudetele saldando i bordi con una punta di cremina che farà anche da collante. Se volete rimboccate le estremità dell’ortaggio con altra salsa ed una presa di erba cipollina tritata. Un giro d’olio, almeno un’oretta in frigo e servite!

Non era niente male anche proposta sopra dei pomodorini ed una freschissima fogliolina di basilico 😉

Fagiolini China Style


Anche i fagiolini rientrano nel paniere delle verdure che piacciono un po’ a tutti: bolliti,  in umido, in insalata, con menta e aglio sono i classici modi per servirli, ma da quando siamo in Cina, complici le ormai quotidiane contaminazioni con gli ingredienti del luogo e la nostra fedele vaporiera sempre all’opera, a noi tre piacciono tanto così:

Ingredienti:        
500g di fagiolini puliti
1 spicchio d’aglio
1 cm di radice di zenzero
2 cucchiai di olio evo
1 cucchiaio di olio di semi di sesamo
1 cucchiaio di aceto di riso
1 cucchiaio di semi di sesamo bianco
1 cucchiaio di semi di sesamo nero
1-2 cucchiai di salsa di soia
1 pizzico di peperoncino a piacere

Procedimento:
Cuocete i fagiolini a vapore per 7-8 minuti lasciandoli al dente.
Nel frattempo, in un padellino antiaderente, tostare entrambi i tipi di  semi di sesamo per qualche minuto mescolandoli di continuo, togliendoli appena iniziano a sprigionare il loro profumo caratteristico, senza farli dorare troppo. Vi guiderà il colore di quelli chiari 😉
In uno wok versate un trito di aglio e zenzero, aggiungete l’olio, poca acqua e fate scaldare per bene.
Unitevi i fagiolini tagliati in tre cilindretti e, mescolando con una spatola ad ogni aggiunta, sfumate con l’aceto, salate con la salsa di soia ed infine aggiungete i semini tostati e lasciate raffreddare.
Nel frattempo arrostite su una piastra delle belle pannocchie fresche e succose e servitele calde con i fagiolini ai sapori d’oriente. Per me sono un abbinamento perfetto per un’altra originale e veloce cenetta gluten free!
Anche Linda li adora, ne mangia sempre un piattone e poi reclama sempre una doppia dose di semini a parte; che ridere tutte le volte vederla rosicchiare la pannocchie con  tanto gusto 😉
Ci mancherà un sacco questo cereale d’oro: in Cina le usano molto bollite (provate ma bleah!) e così se ne trovano in abbondanza ed ora siamo in piena stagione. In Italia purtroppo ricordo che se ne trovano molto poche e piuttosto raramente nei mercati a meno che non te le vai a raccogliere in qualche campo prima che diventi mangime per gli allevamenti…Ci ingegneremo in qualche modo: ora che le abbiamo scoperte sarà difficile rinunciarci 😉
Sperando che siate più fortunati nella ricerca, auguro buon appetito anche a voi!
Poco male, anche con il pane tostato non sono affatto male 😛

Crema di melanzane al tahin

Adoro le creme e le salse di verdure! “Ma cosa è che non ti piace, amore mio goloso?!!!” , sottolinea giustamente mio marito, sbirciando nello schermo mentre scrivo queste prime righe del post!!
Non ha torto in effetti :oops:, ma questa con le melanzane, saporita ed aromatica al punto giusto, mi stuzzica un sacco ed è perfetta per l’estate, se si esclude il forno che si deve accendere per cuocere l’ortaggio principale 🙁 !! Ma ora che ci penso anche in un tegame, facendole ben asciugare, si potrebbe ottenere un buon risultato…Work in progress…

Ingredienti:        
2 melanzane
1 piccolo spicchio d’aglio
Il succo di ½ limone
2 cucchiai di tahin home made
3 cucchiai di olio evo
1 cucchiaino di paprika
q.b. di salsa tamari e pepe

Procedimento:
Lavate, bucherellate con una forchetta ed infornate le melanzane a 200° per circa 20 minuti o fintanto che non si ammorbidiscono.
Infilatele in un sacchetto per il freezer ed attendete che condensi. L’umidità creata nel corso del raffreddamento faciliterà l’operazione di toglierne la buccia.
In un alto contenitore unite  l’aglio, il succo di limone, la salsa tahin, la paprika, l’olio evo e la polpa delle melanzane. Dosate aglio e limone a seconda dei gusti, assaggiando la salsa prima di aggiungerne tutta la quantità indicata. Se per voi l’aglio crudo è troppo forte potreste infornarne con le melanzane qualche spicchio o più  in camicia e poi unirli  alla salsa, oppure aggiungerne un pò secco, dipende dai vostri gusti.
Frullare con il minipeemer finchè non ottenete una consistenza cremosa.
Aggiungete una macinata di pepe, una spruzzata di salsa tamari (la adoro con le melanzane!) o sale secondo abitudine e servite!

Ottima su crostini di pane tostato o spalmata sulle piadine  farcite di verdure grigliate, veg formaggi o tofu alla piasta… ma lascio a voi altri originali abbinamenti.
Nonostante la leggera nota acidula data dal limone, a me piace, aggiungendo pure un pò di maggiorana fresca, anche per condire la pasta! 😉 Ma ricordate l’ammonimento di cui sopra? A me piace tutto!! 😆
Non vi resta che provare per sapere se sono una fonte attendibile …

Funghi saraceni


Quando riesco sbircio ancora tra le ricette di Veganblog e da quando ha iniziato a pubblicare le sue pietanze anche una mia quasi-compaesana vegana conosciuta nella rete, non posso non seguirla con passione in attesa di un incontro.
Mi ha anche promesso che come regalo di bentornata in Italia mi darà in adozione la sua pasta madre!! Così comincerà anche una nuova avventura  panificatoria…
Mi piacciono un sacco  le sue ricette semplici, gustose ed adatte anche al suo cucciolo come alla mia.
Quello che vi propongo oggi è un suo piatto riadattato secondo frigo e dispenza ma mi è così piaciuto che non potevo non mostrarlo anche a voi.
Grazie ValeVico, a presto!! 😉

Ingredienti:
8  grossi funghi champignon
100 g di grano saraceno
200 g di verdure miste fra carota, sedano e onion flower
1 grosso porro
1/2 bicchiere di latte di riso autoprodotto
1 cucchiaino di curcuma
q.b. di brodo autoprodotto
q.b. di erba cipollina
q.b. di sale integrale
q.b. di olio evo

Procedimento:
Per prima cosa preparate il latte vegetale, frullando una manciata di riso con mezzo bicchiere di acqua e lasciate riposare.
Tritate ora carota, sedano, onion flower e fateli scottare qualche minuto in un padellino con un goccio di acqua ed olio.
Tostate il grano saraceno (preferibilmente già ammollato per qualche ora), copritelo con pari peso di brodo caldo (io aggiungo come sempre un cucchiaio del mio dado casalingo all’acqua calda), portate a bollore e spegnete il gas. Deve restare al dente perché continuerà a cuocere al forno.
Spellate ora i funghi senza lavarli, pulirli con uno spazzolino e della carta da cucina inumidita, tagliate i gambi e  teneteli da parte.
Tritate i porri ed uniteli in una terrina ai gambi tritati dei funghi.
Mescolate il grano saraceno alle verdurine al dente, la curcuma, abbondante erba cipollina tritata, olio, sale: sarà la farcitura per  i vostri funghi. Ve lo dico subito: ve ne avanzerà un pò ma non disperate! E’ buonissimo anche il giorno dopo appena scaldato in padella e se vi sarà avanzato un funghetto ripieno, tritatecelo dentro! Cotto in questo modo rimane sodo ed al dente ma avrà assorbito al meglio tutti i sapori.

Oliare una teglia da forno, cospargere il fondo con i porri ed il trito di funghi  e disporvi i cappelli riempiti con un cucchiaione del composto.

Irrorate il fondo col latte di riso filtrato, tenendone da parte un po’ da aggiungere a metà cottura per rinnovare il sughetto che sarà diventato saporito e cremoso…
Fate un bel giro d’olio e infornare a 180° per 30 minuti.
I funghi cinesi non sono purtroppo il massimo ma il piatto nel complesso era favoloso e dai profumi invitantissimi: lo rifarò di sicuro ma con la migliore materia prima italiana.
Intanto, se vorrete, provateci voi e fatemi sapere  se mi varrà la pena aspettare! 😉

Venere in giallo


Ultime zucche cinesi in casa suzhuoese 🙁
Sfruttando le ampie longitudini climatiche di questo paese che ci ospita, soprattutto per me e mia figlia, pazze per questo ortaggio,  sono le ultime occasioni per gustasarle. Ma quante ne abbiamo mangiate!!!
Cominciamo infatti a salutare a dovere i tanti meravigliosi ortaggi portati dal freddo che ci hanno coccolato per tutto questo secondo inverno cinese, che non ritroveremo uguali in Italia e già mi prende un po’ il magone.
Allora passo subito alla ricetta e così smetto di pensarci….
In questo piatto c’è una tripletta di ingredienti che si è rivelata eccezionale: porri, zucca e riso nero, aromatizzati dal timo fresco, recuperato con un colpo di fortuna in un supermarket fuori mano.
Assaporati insieme, cucchiaio dopo cucchiaio ci hanno inebriato con il loro gusto,  profumi, colori e consistenze uniche per una combinazione davvero leggera ma perfetta!

Ingredienti:
300g di riso nero
600g di zucca gialla
3 porri
1 spicchio di aglio
1 cm di zenzero fresco
1 cucchiaio di aceto di mele
1 cucchiaio di foglie di timo fresco
q.b .di miso
q.b. di olio evo, sale e pepe

Procedimento:
Mondate la zucca, riducetela a pezzi ed in un tegame, unitela  alle parti verdi dei porri ridotte a rondelle.
Coprite con acqua e cuocete dopo il bollore non più di 10 minuti.
Insaporite a fuoco spento con un cucchiaio circa di miso, frullate e tenete da parte.
Tritate finemente l’aglio e lo zenzero, affettate sottilmente la parte bianca rimasta dei porri e stufate il tutto in padella con poco olio ed acqua.
Quando i liquidi si saranno asciugati, sfumate con l’aceto, e continuate a cuocere a fiamma dolce per 5-6 minuti fino a doratura. A fine cottura regolate di sale, spolverate con pepe appena macinato ed aromatizzate con il timo fresco tritato.
Cuocere il riso come da istruzioni. Io lo  lascio prima un po’ in ammollo in modo che perda l’eccesso di amido e poi lo metto nel cuociriso cinese con il doppio del suo peso di acqua. Ne esce un riso aromatico e ben sgranato.
Ora assemblate i piatti: riempite una cup con il riso pressandolo delicatamente ancora caldo, rovesciatelo al centro del piatto, versate la crema di zucca tutta intorno, adagiate sopra il venere due cucchiai di porri stufati e completate con un giro di olio evo.

Gustare al cucchiaio prelevando il tris di ingredienti che in bocca si fondono a meraviglia in una sinfonia unica di gusto!!!!!
Dai che alcune zucche tardive si trovano anche da voi!…
…o qualche bel pezzone nel freezer?! 😉

Piselli in salsa di senape


Invogliata dai banconi ancora pieni dei nuovi legumi freschi che ci regala la primavera, oggi avevo voglia di piselli.
Memore della scorsa stagione, non dureranno a lungo e così provo a gustarmeli in tutte le salse prima di farne una scorta da tenere in freezer 😉
A casa mia piacciono a tutti, anche semplicissimi, cotti al vapore e ripassati appena con una cipollina fresca, ma volevo dare loro un gusto nuovo, provare una variante un pò speciale…
Sfogliando “Cucinare i legumi” di Rosanna Passione, la mia nuova bibbia gastronomica per fagioli & co. sempre a portata di mano, nasce questa particolare  e sfiziosa ricetta per gustarli con originalità e sapore.

Ingredienti:        
250 g di piselli freschi sgusciati
1 spicchio d’aglio
1 cipolla dorata
1 cucchiaio di zenzero fresco grattugiato
1 cucchiaio di senape
1/2 cucchiaio di curcuma
7-8 pomodorini maturi
q.b. di sale
q.b .di olio evo

Procedimento:
In un ampio tegame versate poco olio e poca acqua e far appassire la cipolla tagliata sottile con l’aglio, lo zenzero  tritati ed un pizzico di sale.
Una volta ammorbidita aggiungete la curcuma, la senape ed i pomodorini precedentemente frullati per ridurli ad una crema liquida. Coprite appena d’acqua e fate cuocere qualche  minuto. Versate ora i piselli e proseguite la cottura a pentola chiusa finchè non inteneriscono, aggiungendo altra acqua se la salsa tende ad asciugarsi troppo e regolando di sale a fine cottura.
Gustate caldi o tiepidi accompagnati da un buon pane casalingo leggermente tostato.
Non riuscirete a sottrarvi ad una golosa e meritata scarpetta! 😉

Carote agrodolci


Stanchi di mangiarle in insalata, stufi di tritarle per il solito soffritto o di infilarne quotidianamente solo nella centrifuga?
Io  no di certo, ma trovata un’ altra idea per consumarle la aggiungo alle altre!!
La carota cruda è la fonte più ricca di provitamina A, il betacarotene,  da cui ne derivano le potenti proprietà antiossidanti. Due-tre carote grandi  forniscono circa il quadruplo della dose quotidiana raccomandata di questa importante vitamina.
Protegge le arterie, aumenta la funzionalità del sistema immunitario, previene il cancro, le infezioni e l’invecchiamento.
Questa radice è anche indicata per combattere le affezioni polmonari e gastro-duodenali, nell’insufficienza epato-biliare, nelle dermatosi e nelle  malattie dell’occhio.
Cotta, non perde il potassio ed  il betacarotene, svolge invece un’azione lenitiva nei confronti dell’apparato digerente e regolarizza le funzioni intestinali.
Veloci e saporite  oggi le carote finiscono in padella e leggermente agrodolci sono davvero stuzzicanti!

Ingredienti:  
500g di carote
2 spicchi d’aglio
1 cucchiaio di origano
1 cucchiaio di maggiorana
100 ml di acqua
100 ml di aceto di mele
4 cucchiai  di olio evo
1 pizzico di peperoncino
q.b di sale

Procedimento:
Per prima cosa bollite l’acqua con l’aceto e lasciate ridurre i liquidi fino a metà del loro volume.
Mondate, affettate a bastoncini e cuocete a vapore le carote, mantenendole al dente.
Una volta pronte ed intiepidite, conditele in una ciotola con  l’aglio tritato, le erbe aromatiche ed il peperoncino a piacere e lasciate insaporire.
Versate la riduzione di acqua ed aceto  sulle carote, aggiungete l’olio, rimestate con cura e, se potete, lasciate riposare un pò prima di consumare.
Semplicissime ma gustosissime, garantisco!!