Dolci sfizi di Natale


Le feste sono alle porte, cariche di allegria, sorprese e di relax ma anche di un sacco di pasti vegan da preparare e condividere con chi vegan non lo è e che magari avrà pure da ridire ancor prima di assaggiare… Inutile che fingiate: ogni invito a cena che facciamo ci apre una piccola “crisi” dovendo scegliere piatti e portate, tra tante possibilità, che conquistino tutti i sensi e piacciano ai nostri commensali, senza far rimpiangere le portate pesanti e crudeli della tradizione.
Per il menù completo delle feste sono ancora in alto mare e, non paga di questo, ho anche l’ardire di volere preparare dei piatti nuovi e mai sperimentati! Della serie se non ti complichi la vita che gusto c’è?
Un dolce però l’ho già scelto: ispirata da una ricetta di “Cucina Naturale” che ho veganizzato, li abbiamo già testati sia in famiglia che fuori con grandi soddisfazioni ed elogi e così concluderanno uno dei menù delle feste…

Ingredienti:
200g di  farina di castagne
80g di farina 0
120g di latte vegetale preferito o acqua
80g di brown sugar
100g di cioccolato fondente
80g di margarina
25g di  nocciole tostate e tritate
20g di farina di nocciole
20g di cacao amaro in polvere
1 bustina di lievito per dolci

Procedimento:
Procedete come con una comune frolla setacciando la farina di castagne, la farina 0 ed il cacao ed aggiungete alle polveri la farina di nocciole e lo zucchero. Unite a pezzetti la margarina ammorbidita e lavoratela insieme alle polveri con le mani. Incorporate a questo composto  il latte vegetale tiepido e per ultimo, il lievito setacciato, lavorando il tutto brevemente. Lasciate poi  riposare l’impasto in frigorifero per circa una mezz’ora.
Riprendete la massa e stendetela fino ad uno spessore di  ½ cm  ricavando con un tagliapasta, dei biscotti rettangolari lunghi circa 5 cm. Sistemateli in una teglia ricoperta con carta da forno e infornateli a 180 °C per 10-15 minuti. Sciogliete, nel frattempo, il cioccolato a bagnomaria.
Sfornate i biscotti, intingeteli per meno di metà nel cioccolato fuso e posatene subito le punte in una ciotola con la granella di nocciole. Lasciateli quindi raffreddare per qualche minuto su un foglio di carta da forno o una gratella fino a quando il cioccolato si sarà ben rappreso.

Una volta pronti, sistemateli per bene in un piatto e serviteli con un buon passito!
Friabili e profumati, leggeri ma  golosi,  semplici eppur di effetto, è difficile fermarsi dopo aver assaggiato quanto sono buoni 😀
Ora devo pensare anche il resto del menù 😉 Buone feste!!

 

17 commenti su “Dolci sfizi di Natale”

  1. Segno subito la ricetta!!!!!
    Voglio presentare anche io un dolcino sfizioso veg!
    Biscotti iper calorici di mia suocera con l intero mondo animale dentro
    ….vs….questa delizia!!!!!!!
    Ci scommetto che i miei andranno a ruba!!!!!!

    1. Provali, saranno un sicuro successo! Li ho rifatti anche ieri e piacciono tantissimo a tutti quelli che li assaggiano e si mantengono per giorni chiusi in un contenitore ermetico, sempre se ci arrivano, così ti possono accompagnare per tutte le feste 😛 !!

    1. Grazie Feli, lo so, lo so benissimo che un altro importante contest mi aspetta ma credo che mi metterò all’opera in terra cinese, madre del tofu(La BioAppetit lì non ci arriva 🙄 !!!)
      Dopo che la sbornia da rientro e da festività sarà passata mi concentrerò al massimo per qualcosa di speciale 😛

  2. Li abbiamo mangiati al compleanno italiano di Linda e confermo che sono buonissimi! Ale se ne è fatto una bella scorpacciata ed anche Elena, che in genere non mangia niente, non si è tirata indietro! Complimenti, prima o poi ci provo!

    Ciao un bacione!

    1. Grazie Francy! Un parere da chi ha assaggiato fa sempre piacere 😛 Sono veramente semplici, dai provaci, oppure se ne hai voglia e il tempo latita, chiedi pure che ve ne faccio un pò…ho il pacco aperto della farina di castagne 😉

  3. Ma sono davvero sfiziosi e golosi questi pasticcini di natale! Anche questa ricetta me la devo segnare!
    Per quanto concerne i piatti, ormai e’ andata… 😉 ma questo rituale si ripete ogni volta che si ha qualcuno a cena!

Lascia un commento