Sfere di miglio ai cavoli


Invogliata dalle Palline di quinoa di Chicca  ho realizzato anche le mie prime crocchettine ai cavoli. Come erano? Chiedetelo a Linda che in genere per finire quattro cimette di crucifera ci impiega una vita mentre, impiastricciate in questo modo, si è leccata i baffi chiedendo più di un bis 😉

Ingredienti:
1 cup di  miglio cotto
1 cup di cavoli cotti al vapore
½ cup di patate già cotte al vapore o al forno
1 cucchiaio di fecola
2-3 cucchiai di lievito alimentare in scaglie
1 spicchio di aglio tritato
q.b. di erba cipollina tritata
q.b. di olio evo
q.b di sale
q.b di farina di mais bramata

Procedimento:
Con tutto il necessario già pronto è davvero un attimo. Schiacciate i cavoli e le patate con una forchetta e mescolateli agli altri ingredienti regolando di sale ed olio. Ovviamente si potrebbero aggiungere altri odori, ma erano molto piacevoli anche così, dal colore uniforme e dal gusto piuttosto neutro.
Una volta ben amalgamati tra loro, dall’impasto sodo ottenuto, formate con le mani delle palline e passatele nella farina di mais; ormai la adotto quasi sempre variando dalle solite molliche di pane, così da avere una cena totalmente gluten free 😉

Sistemate le sferette su una teglia appena unta, spennellatele con poco olio e passatele in forno, con funzione grill per circa 15 minuti rigirandole per dorarle uniformemente.
Eccole appena sfornate.

Gustatele calde con salsine o verdure a piacere.

Linda assicura che quelle servite sulla ciotola col drago erano molto più buone…allora, se non vi vengono buone come le mie, non dite che non vi avevo avvertito dell’ingrediente segreto! 😉

19 commenti su “Sfere di miglio ai cavoli”

  1. ottima ricetta anti-crisi! si ricicla tutto con gusto e zero sprechi!
    di sicuro linda ha ragione: il drago con il suo sbuffo infuocato le avrà tenute in caldo..belle croccanti! 😉
    un bacione a voi tutti !!! Ciaooooo!!!

  2. Buone, adoro le corcchette! Ed anche furbe perchè congelabili e quindi… ottimo salvagente in caso di ospiti improvvisi e scarso tempo a disposizione! Ok, io non ho la ciotola con il drago ma mi accontenterò… 🙂
    Un bacio. Eli

    1. Hai capito tutto nonnina!!!
      Burgher, crocchette e polpette croccanti di cereali, legumi e verdure la soddisfano sempre, mentre il padre insomma… Non si può accontentare tutti: una sera uno una sera l’altro, mentre a me va bene tutto!! 😉

  3. Insomma…perfette…In realtà gli scatti serali, come in questo caso, non mi soddisfano mai a pieno, li preferisco alla luce naturale, ma come fare? La cena non avanza e se lo fa finisce nei loro lunch box!!
    E’ il drago invece che ruba la scena ma non distrae dalla cena!! 😉

  4. Ahahah bellissima Linda. Sai che anch’io cerco sempre ricette sfiziose per proporre il miglio, questa tua ricetta mi sembra sfiziossima e da provare sicuramente, magari vario le verdure ma seguo poi passo passo il tuo procedimento. Adriano apprezzerà anche questa 😉
    Già lo so! Sono una meraviglia.

  5. ho tutto… ah no! mi manca la ciotola col drago, mannaggia… secondo te se ne uso una con un gatto va bene lo stesso? certo che con una tester così, chi si può sognare di criticare le tue ricette? anche io avrei chiesto il bis e anche il bis del bis!

Lascia un commento